Ministero dell’industria, dell’energia e del data mining

Il governo ha lanciato il laboratorio digitale aperto in un’attività che è stata condotta il 3 dicembre nel laboratorio tecnologico dell’Uruguay (Latu) e è stato trasmesso tramite Zoom.

Open Digital Lab è un’iniziativa congiunta, pubblica-privata, sviluppata dal Ministero dell’Industria, dell’energia e dell’energia (MIEM), dell’Antel, El Latu, dell’Agenzia nazionale per la ricerca e l’innovazione (ANII), il Tecnologie della Camera delle informazioni uruguaiane (CUTI) e UTE, focalizzata sulla convalida e l’adozione di tecnologie e applicazioni, attraverso il test in un ambiente controllato che simula ambienti reali.

Durante il suo lancio, gli altoparlanti erano il ministro di Industria, energia e miniera, Omar Paganini; Il presidente di ANELL, GABRIEL GURMÉNDEZ, e il presidente di Latu, a Ruperto a lungo.

Attraverso la videoconferenza, le interviste del presidente di Ute, Silvia Emaldi erano condivise; Il presidente dell’ANII, Flavio Caiafa; e il presidente del CUTI, Leonardo Loureiro.

Inoltre, durante l’evento è stato presente il direttore nazionale delle telecomunicazioni e i servizi di comunicazione audiovisiva, Guzmán Acosta e Lara.

Il laboratorio digitale aperto avrà tecnologie e connettività avanzate in modo che le aziende interessate possano eseguire test e testare soluzioni innovative.

Questa iniziativa promuoverà la generazione di conoscenze, sviluppo industriale e condizioni necessarie per accelerare l’internazionalizzazione delle società e l’attrazione di investimenti futuri .

Open Digital Lab è stato creato per sviluppare l’innovazione locale, con il potenziale per esportare la conoscenza in vari interessi tematici, come Internet delle cose (IoT), sensori, macchinari Comunicazioni, industria 4,0, Tecnologie correlate al 5G (radiofrequenza, antenne, sistemi di modulazione, protocolli di dati, sistemi di pianificazione e follow-up), cybersecurity per infrastrutture, agrotech, veicoli autonomi, tra gli altri.

Altri degli obiettivi perseguiti è attirare i nostri investimenti nazionali da società straniere nella ricerca e nello sviluppo. Questa iniziativa aumenterà anche la produttività delle industrie, promuovere la generazione di nuovi servizi e rafforzano gli strumenti di gestione del governo, posizionando l’Uruguay come paese di test nelle tecnologie.

Aperto e innovativo

Nel lancio, il ministro Paganini ha dichiarato di essere attualmente “le tecnologie dell’informazione oggi stanno dando un ribaltamento ai grandi dati, intelligenza artificiale, internet di cose, una connettività all’avanguardia. “Per questo motivo, dal governo, è stato definito che” un ecosistema dove collaborano le aziende “di comunicazione, software, Energia e altri settori.

Con quella premessa come base, la Latu è stata il luogo scelto naturalmente per creare questo ecosistema della tecnologia più recente, la cui piattaforma consentirà all’uruguayan e all’estero Le aziende testano i loro prodotti, servizi e applicazioni in a Spazio controllato e sicuro, ha spiegato Paganini.

“è un campus intelligente, un ecosistema di innovazione”, riassunto.

Il ministro ha ritenuto che sia un progetto strategico per il paese per due motivi. Innanzitutto, poiché eseguire test di questo tipo – che richiedono, ad esempio, l’intelligenza artificiale – è complessa se viene effettuata in isolamento, anche per potenti società nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC), come le uruguayas.

secondo, è strategico “per attirare le aziende leader, che serve anche a potenziare l’ecosistema”, ha aggiunto. Alcuni di loro hanno già mostrato interesse, ha aggiunto il Segretario di Stato.

Il concetto di base di quel progetto è quello di innovazione aperta, che implica la cooperazione per sviluppare l’innovazione, ha detto Paganini. Ha spiegato che si tratta del prevalente Andamento del mondo, che è attraente per le società straniere, nonché il fatto che il CUTI, il partecipante al laboratorio, integra le aziende che hanno mostrato una grande capacità di sviluppo e che possono crescere ancora più grazie al laboratorio digitale aperto. Per questo Avranno anche il supporto di Anii.

Come esempi di ciò che accadrà in laboratorio, Paganini ha detto che i misuratori di potenza elettrici intelligenti possono essere installati o transito i sensori sul strada.Le informazioni ottenute saranno elaborate e consentiranno di estendere alle città per ottimizzare il trasporto di transito che di energia.

È anche possibile lavorare con i vari dati che forniscono edifici attraverso IoT, grazie alla tecnologia 5G. Le applicazioni di queste tecnologie sono estremamente spaziose e coprono dalla telemedicina al monitoraggio degli animali nel campo.

“è quello di salire sull’onda di innovazione, migliorandolo di più con Un laboratorio aperto “, ha detto il ministro.” Siamo molto eccitati. Questo mostra il potenziale delle alleanze e la creazione di un ecosistema “, ha finito.

Da parte sua, il Presidente di Antel ha evidenziato l’importanza dell’iniziativa, poiché” ti consente Per aggiungere livelli di valore e servizi superiori a quali sono i servizi di infrastruttura delle società di telecomunicazioni. “Per questo, i partner sono tenuti a” sfruttare quella crescita “, ha aggiunto.

GURMÉNDEZ ha spiegato che Antel sarà la “femmina” in modo che le aziende possano specificare le loro idee. Per questo, l’azienda offre un kit di sviluppo, che include piattaforme tecnologiche e aziendali che includono, tra gli altri punti, i grandi dati, ioT e l’accesso a 5G, è stato spiegato alla fine dell’evento.

Da parte sua, il presidente del Latu ha detto che la tecnologia di ultima generazione ti consente di esplorare “un universo di nuove cose “. Ha aggiunto che l’innovazione è “un tema chiave”, soprattutto per un paese “che scommette sulla qualità”, e che il Latu “farà un salto” per diventare un parco tecnologico intelligente.

poiché può

il laboratorio inizierà a funzionare nel maggio 2021. Nel Prossimo mesi, la piattaforma tecnologica del laboratorio sarà avanzata, mentre cercherà partner privati. Questa piattaforma si evolverà e offrirà 5g connettività, sensori e accesso dal data center di Antil, tra gli altri elementi.

Per ulteriori informazioni: www.opendigitallab.uy e [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *