L’udienza nazionale ratifica un raffinato testimone di Geova per l’utilizzo di dati senza il permesso dei medici disposti a “collaborare” con le loro convinzioni

il pubblico nazionale ha ratificato una multa di 10.000 euro imposto dall’Agenzia spagnola di Protezione dei dati ai Testimoni di Geova Christian, raccogliendo e senza soluzione di dati facoltativi che sarebbero disposti a collaborare con le convinzioni di questa confessione religiosa in merito alla pratica degli interventi chirurgici senza trasfusioni negli ospedali.

Ciò è stato determinato dalla stanza controversa di una sentenza che respinge il ricorso del Signore contro la risoluzione dell’APD che due anni fa ha imposto la sanzione a causa di una denuncia di un membro della Cantabria dei comitati di collegamento con gli ospedali, che l’istituzione ha in ogni provincia.

Specificamente, durante un’ispezione questo membro ha detto che da più di vent’anni, i dati facoltativi saranno raccolti per collaborare con le convinzioni dei Testimoni, i dati che sono diventati parte di un database nel 2014 e comunicati al National sede quelle dei medici disposti a collaborare.

Così, al momento dell’ispezione, quest’uomo aveva un database sul suo computer con due cartelle, chiamate “collaboratori” e “consulenti”. Il primo è stato formato da dati dai medici disposti a collaborare con le convinzioni dei Testimoni di Geova, classificati da specialità. Selezionando il nome di uno, è stato ottenuto un documento denominato “Report on the Collaborator Doctor”, per l’uso esclusivo del comitato di collegamento con gli ospedali con diversi dati dello specialista e delle questioni relative alle trasfusioni di sangue, trattamenti che richiedono donazioni e alternative, sia nelle procedure programmate come in caso di emergenza.

Nella seconda cartella, chiamati “consulenti”, è stato riferito che sono facoltativi che oltre ad essere disposti a collaborare con i testimoni di Geova, fornire servizi di consulenza sui tipi di linee guida senza eseguire trasfusioni di sangue ai medici Altri ospedali in tutta la Spagna.

La stanza controvinosa del pubblico nazionale coincide nella sua condanna con il criterio della risoluzione dell’Agenzia spagnola per la protezione dei dati, nel senso che i dati contenuti nel file “non sono semplicemente accidentali e con il Solo scopo di contattare l’ospedale “, ma la classificazione dei” consulenti “e delle” collaboratori “” che è l’identificazione di ciascuno dei professionisti e delle sue caratteristiche l’obiettivo dei database “.

ed è che solo quelle opzioni che hanno “interesse” per i testimoni di Geova sono inclusi in questi file e non con lo scopo, secondo la sentenza, per contattare direttamente l’ospedale, ma al contrario lo fa direttamente con i medici per conoscere la loro posizione in relazione alle credenze della confessione religiosa.

Inoltre, per i magistrati che dettare il fallimento, l’entità “non ha correttamente accreditato l’esistenza di un consenso valido fornito dal titolare dei dati”. “Il consenso inequivocabile dei titolari di dati” non è stato accreditato “e contro di loro” consiste nell’assenza della necessaria diligenza da parte della confessione religiosa per garantire la legalità della raccolta di dati personali soggetti al trattamento, ciò che integra l’elemento di colpa di L’infrazione “

Il pubblico nazionale ha ratificato una multa di 10.000 euro imposto dall’Agenzia spagnola di protezione dei dati ai testimoni cristiani di Geova, per la raccolta e l’uso senza permesso. Dati facoltativi che sarebbero disposti a collaborare con il Credenze di questa confessione religiosa in merito alla pratica degli interventi chirurgici senza trasfusioni negli ospedali.

Ciò è stato determinato dalla stanza controversa di una sentenza che respinge il ricorso del Signore contro la risoluzione dell’APD che due anni fa ha imposto la sanzione a causa di una denuncia di un membro della Cantabria dei comitati di collegamento con gli ospedali, che l’istituzione ha in ogni provincia.

Specificamente, durante un’ispezione questo membro ha detto che da più di vent’anni, i dati facoltativi saranno raccolti per collaborare con le convinzioni dei Testimoni, i dati che sono diventati parte di un database nel 2014 e comunicati al National sede quelle dei medici disposti a collaborare.

Così, al momento dell’ispezione, quest’uomo aveva un database sul suo computer con due cartelle, chiamate “collaboratori” e “consulenti”. Il primo è stato formato da dati dai medici disposti a collaborare con le convinzioni dei Testimoni di Geova, classificati da specialità.Selezionando il nome di uno, è stato ottenuto un documento denominato “Report on the Collaborator Doctor”, per l’uso esclusivo del comitato di collegamento con gli ospedali con diversi dati dello specialista e delle questioni relative alle trasfusioni di sangue, trattamenti che richiedono donazioni e alternative, sia nelle procedure programmate come in caso di emergenza.

Nella seconda cartella, chiamati “consulenti”, è stato riferito che sono facoltativi che oltre ad essere disposti a collaborare con i testimoni di Geova, fornire servizi di consulenza sui tipi di linee guida senza eseguire trasfusioni di sangue ai medici Altri ospedali in tutta la Spagna.

La stanza controvinosa del pubblico nazionale coincide nella sua condanna con il criterio della risoluzione dell’Agenzia spagnola per la protezione dei dati, nel senso che i dati contenuti nel file “non sono semplicemente accidentali e con il Solo scopo di contattare l’ospedale “, ma la classificazione dei” consulenti “e delle” collaboratori “” che è l’identificazione di ciascuno dei professionisti e delle sue caratteristiche l’obiettivo dei database “.

ed è che solo quelle opzioni che hanno “interesse” per i testimoni di Geova sono inclusi in questi file e non con lo scopo, secondo la sentenza, per contattare direttamente l’ospedale, ma al contrario lo fa direttamente con i medici per conoscere la loro posizione in relazione alle credenze della confessione religiosa.

Inoltre, per i magistrati che dettare il fallimento, l’entità “non ha correttamente accreditato l’esistenza di un consenso valido fornito dal titolare dei dati”. “Il consenso inequivocabile dei titolari di dati” non è stato accreditato “e contro di loro” consiste nell’assenza della necessaria diligenza da parte della confessione religiosa per garantire la legalità della raccolta di dati personali soggetti al trattamento, ciò che integra l’elemento di colpa di L’infrazione “

Il pubblico nazionale ha ratificato una multa di 10.000 euro imposto dall’Agenzia spagnola di protezione dei dati ai testimoni cristiani di Geova, per la raccolta e l’uso senza permesso. Dati facoltativi che sarebbero disposti a collaborare con il Credenze di questa confessione religiosa in merito alla pratica degli interventi chirurgici senza trasfusioni negli ospedali.

Ciò è stato determinato dalla stanza controversa di una sentenza che respinge il ricorso del Signore contro la risoluzione dell’APD che due anni fa ha imposto la sanzione a causa di una denuncia di un membro della Cantabria dei comitati di collegamento con gli ospedali, che l’istituzione ha in ogni provincia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *